La buffonata del bonus mobilità.

Qui si può chiacchierare di qualunque argomento... nel rispetto del regolamento!

La buffonata del bonus mobilità.

Messaggiodi gerko il 16/06/2020, 18:21

Sinceramente, potevano risparmiarseli questi milioni di euro messi fuori per bici e monopattini, gettati in piazza come se andare con questi mezzi e non in auto, risolvesse la questione coronavirus.
120.000.000 di euro stanziati subito che già si sono accorti non basteranno e molto probabilmente raddoppieranno a 240.000.000.
Mi sono fatto un conto a spanella e se ogni persona richiedesse il bonus nelle principali città, saremmo subito a 175.000.000 con una media di bonus di 300 euro, figuriamoci.
Le cose cretine a parte l'inutilità di fare ora questo gesto sono:
- I classici italiani di merda compreranno la bici o monopattino per poi rivenderlo subito, forse senza nemmeno usarlo, tanto il conto è preso fatto.
monopattino da 450 euro, lo stato rimborsa il 60% e si paga 180 euro. Magicamente, e già i siti di rivendita sono pieni basta andare su Subito, se ne trovano in vendita a fiume a 300/350 euro. Spero gli eventuali soldi di guadagno fatti così se li facciano a medicine, ma non solo loro, anche la prossima categoria.
- I suddetti bici e mono hanno avuto subito impennate di prezzi ingiustificate fino anche al raddoppio. Prendo ad esempio i monopattini dove prima costavano poco più di in centinaio di euro i base e comunque meno di 300 i top o poco più, ora sono tutti da 260 in su e per su si sta a media di 350/400 per gli anonimi mai sentiti prima.
- Molti monopattini non sono a norma e nemmeno i venditori o blogger che consigliano sanno quel che dicono. Si trova molta gente addirittura che li compra dalla Cina convinta che potrà girare tranquilla e avere anche il bonus.
- Rimanendo alle norme da rispettare c'è quella che a prima vista non si considera, ossia il dover rispettare la direttiva n. 2006/42/CE, che ammetto nemmeno io avevo considerato(pensando al solo amrchio CE), ma a quanto pare questa norma richiede che sul monopattino stesso sia presente una targhetta ben specifica che i monopattini arrivati a fiume dalla Cina non so se rispettano e nemmeno sono convinto che il famoso Xiaomi rispetti. Tra l'altro, a meno che non abbia avuto un aggiornamento software, lo Xiaomi base da 350 euro circa, non è a norma, ha come velocità impostabile minima 15 o 18 km/h mentre il richiesto dalla legge è 6 km/h per poterla usare nelle aree pedonali; aree pedonali e non marciapiedi come qualche scimunito di blogger/sito dice. Non si può circolare sui marciapiedi come non lo possono fare le biciclette.
Tornando alla direttiva chiede: nome del fabbricante e suo indirizzo, la marcatura CE, designazione della serie o del tipo, eventualmente numero di serie, l'anno di costruzione.
L'unica cosa che forse ci sarà è uno stampo CE da qualche parte e il nome del modello. Spesso si tratta di modelli anonimi senza una azienda vera dietro, come fa a riportare nome del fabbricante e indirizzo? ahahahah. Noi qua su chinafonini lo sappiamo bene come funziona.
- Collegandomi ai monopattini sicuramente cinesi, embè anche tutti gli altri sono cinesi (anche i Ducati che mette solo il nome e li prende da itekk che a sua volta li prende da MT Distribution azienda protagonista nella "distribuzione" ... chissà di che.. fate voi.), nessuno fa una vera e propria assistenza a quanto pare, anche se ancora mi sto informando(forse i-bike potrebbe avere assistenza perché a tal proposito si viene rimandato a una azienda che costruisce bici da anni). L'unica sicurezza è comprare in un negozio fidato che nei 2 anni di garanzia ti cambi il monopattino o la bici oppure la rimborsi. Per le bici forse l'assistenza si trova più facilmente, per i monopattini è un disastro, un paio di commessi di negozi diversi hanno ammesso che dopo la garanzia legale non saprebbero cosa consigliare/indicare a chi avesse bisogno.
- Tutti questi MILIONI di EURO andranno in aziende cinesi e aiuteranno minimamente l'economia italiana, avrebbero dovuto prima organizzare le aziende, dove chi magari si è trovato in crisi in qualche mese poteva riorganizzarsi per costruire o almeno assemblare monopattini e mettere su anche un'assistenza. Perché questi monopattini sono molto fragili, sono giocattoli alla fine anche se li spacciano per mezzi di mobilità. Se li si usa seriamente per andare a lavoro si fanno in 2 mesi un migliaio di km e leggendo recensioni di chi li ha avuti per almeno una percorrenza tale ha avuto più rotture diverse, immaginatevi di avere ogni 2 mesi una rottura sulla vostra auto, come minimo vi incazzate.

Poi ne avrei altre che ora non mi vengono in mente, fatto sta che è stata una cosa proprio buttata lì.
Io stavo pensando di costruirmelo un monopattino elettrico, ma per la questione della marcatura CE sono fregato. Peccato. Anche perché non sono contro a queste cose(anche se già mi hanno detto che le strade sono piene di deficienti che mettono a manetta e vanno sempre senza mollare mai l'acceleratore; io uno ne ho beccato che si è infilato in rotonda senza fermarsi, e se non incrociava me che circolo mediamente piano, finiva disegnato a terra) effettivamente si risparmia, ho calcolato per me che già guido una ibrida e quindi consumo poco, con l'uso del monopattino risparmierei per la stagione estiva 140 euro circa, ma se in quei 1800 km di monopattini ne devo cambiare 2/3 il risparmio se ne è andato a quel paese....
Leggere senza interagire svuota il web di contenuti, scrivi qualcosa anche tu, condividi le tue esperienze.
Avatar utente
gerko
chinasupremo
 
Messaggi: 3888
Iscritto il: 13/09/2011, 18:33
Chinafonini posseduti: JIAYU G2+ White, Cubot H1 Gold.

Re: La buffonata del bonus mobilità.

Messaggiodi gerko il 22/06/2020, 20:11

Lo scrivo che magari qualcuno salva la delusione.
Gli Xiaomi NON sono in regola con le norme e potreste essere fermati e multati, ma soprattutto NON avrete alcun rimborso; sempre che come hanno dichiarato, non rimborseranno a caso ma verificheranno cosa è stato comprato e che caratteristiche ha.
Non sono a norma, come tanti, perché non hanno impostabile la velocità massima a 6 km/h per le aree pedonali.
Leggere senza interagire svuota il web di contenuti, scrivi qualcosa anche tu, condividi le tue esperienze.
Avatar utente
gerko
chinasupremo
 
Messaggi: 3888
Iscritto il: 13/09/2011, 18:33
Chinafonini posseduti: JIAYU G2+ White, Cubot H1 Gold.

Re: La buffonata del bonus mobilità.

Messaggiodi gerko il 22/06/2020, 22:53

Visto che ci sono segnalo che anche il Master e-speedy venduto da MD e Ipercoop, che oltre ad essere sconosciuto e ad esempio se preso in MD in caso di guasto potete buttarlo(alla coop forse ve lo cambiano), è illegale dato che ha 10 km/h come minimo impostabile.
Leggere senza interagire svuota il web di contenuti, scrivi qualcosa anche tu, condividi le tue esperienze.
Avatar utente
gerko
chinasupremo
 
Messaggi: 3888
Iscritto il: 13/09/2011, 18:33
Chinafonini posseduti: JIAYU G2+ White, Cubot H1 Gold.

Re: La buffonata del bonus mobilità.

Messaggiodi gerko il 02/07/2020, 22:50

Segnalo due monopattini che sicuramente sono a norma. Quello venduto dalla società energetica Ekomobil e quello a marchio Atala.
Per me sono identici. (ovviamente tutti made in China, come tutti gli altri del resto)
Ne ho preso uno, ed effettivamente ha le velocità a codice (6km/h e 20km/h anche se potrebbero essere 25 da legge), con luci e campanello.

Ora vengo all'atto test, perché non tutto quel che luccica è oro.
Stringendo, non sono assolutamente comodi.
Sono ingombranti e portarli in autobus o metro si è sempre a rischio di colpire qualcuno. Pensavo addirittura che fosse il peso un impedimento, ma alla fine è l'ingombro ad ostacolare; certo col monopattino a mano non si fanno tranquillamente 2/300 metri. Inoltre sono ingombranti anche per metterli in auto arrivare in città e fare poi l'ultimo pezzo. Nella mia Yaris che comunque ha un bagagliaio capiente entra al millimetro schiacciandosi tutto.

Quindi portabilità e praticità... insomma..

Però potete sempre partire direttamente da casa, ed allora non avete questi problemi. Avete però i problemi dei monopattini; ossia equilibrio più precario che su una bicicletta con impossibilità di piantare i piedi per terra al bisogno. Col monopattino a seconda di dove si sale si ha il corpo slanciato verso il lato sinistro o destro e se bisogna tirare giù il piede non dal lato dove siamo saliti non è facile. Con la bici invece stando seduti si ha una posizione neutra.
In caso di imprevisto fa la differenza, e gli imprevisti capitano, come ad esempio una buca.

Scomodità nei lunghi tratti confronto ad una bici.
Vengo a spiegarmi almeno per quello che è il mio pensiero.
Col monopattino scarichiamo le forze fisiche sulle gambe e sulle braccia(siamo in piedi e ci teniamo con le braccia), quindi 2 punti.
Con la bici scarichiamo le forze su braccia sedere/busto e game(siamo seduti, facciamo forza con le gambe e ci teniamo con le braccia), quindi 3 punti.
Sembra una cavolata ma fa la differenza in viaggi lunghi(ho provato il monopattino ininterrottamente per verificare la durata della batteria).
Forse per stare un po' meglio bisognerebbe avere un monopattino con ruote a camera d'aria e ammortizzatori, ma purtroppo non lo fanno, scelgono sempre o uno o l'altro.

Per il resto, è ideale per chi deve fare 1/2 km magari nelle ore calde e non può sudare, altrimenti una bici è imbattibile.

Dimenticavo, la segnalazione di svolta quasi impossibile da fare col monopattino vista la sua instabilità(immagino dovuta alle ruote piccole) quindi girare tra le auto senza segnalare nulla non è ideale ne sicuro(che poi il 90% di chi gira in strada gira come se fosse da solo è un altro discorso). Inoltre per la propria sicurezza è necessario un casco da bici/skateboard (che ho preso questa sera alla mirabolante cifra di 10 euro..)

Parlando proprio del mio modello ed esemplare, ho fatto 27 km, ma peso solo 50kg, a 70 kg si ferma a 20km circa come a 90 kg dovrebbe indicativamente farne 15 di km.
Il mio esemplare purtroppo ha un problema col bluetooth, mi rifiuta sempre la connessione ai telefoni e quindi l'app eventuale è inutilizzabile, niente di drammatico, visto che è già ben impostato. Ad esempio per poter partire bisogna spingerlo un po' col piede per evitare partenze casuali.
Leggere senza interagire svuota il web di contenuti, scrivi qualcosa anche tu, condividi le tue esperienze.
Avatar utente
gerko
chinasupremo
 
Messaggi: 3888
Iscritto il: 13/09/2011, 18:33
Chinafonini posseduti: JIAYU G2+ White, Cubot H1 Gold.


Torna a Il circolo dei "chinofili"

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron