[Tutorial] Guida pratica a sicurezza e privacy in rete

Per discutere di hardware, software e internet

[Tutorial] Guida pratica a sicurezza e privacy in rete

Messaggiodi frk il 15/05/2014, 16:05

Come giustamente mi è stato fatto notare nel topic sulle invadenze di android, le violazioni della sicurezza e della privacy dell'utente di internet non sono affatto un problema esclusivo del sistema operativo google, ma affliggono gli internauti fin dall'alba della rete globale. Ecco perchè ho ritenuto utile aprire questo topic nella sezione dedicata ai computer e all'informatica in genere.

Innanzitutto occorrerebbe separare i due argomenti, per meglio comprendere i diversi tipi di rischi che si corrono quando si è connessi ad internet.

Per "sicurezza" informatica si intende la salvaguardia del corretto funzionamento del computer (o altro dispositivo connesso ad internet) e la conservazione dei dati, e può essere minacciata da virus e malware in genere.

Per "privacy" in rete si intende il diritto dell'utente di utilizzare servizi online senza che i suoi dati sensibili vengano catturati e immagazzinati da altri.

E' anche vero però che nell'immaginario collettivo i due problemi sono spesso collegati e che una "falla" su uno dei due fronti può causare problemi anche nell'altro, così in questo topic (che non ha velleità specialistiche) li affrontiamo insieme.

Paradossalmente, quando i computer erano più semplici, i rischi erano più facilmente aggirabili, perchè ciascun software era in grado di fare una cosa soltanto. Oggi che i sistemi operativi sono sempre più "smart" e più autonomi, con la scusa di fare del lavoro utile all'utente senza che questo nemmeno lo chieda, i vari software possono fare decine di "cose" contemporaneamente, non tutte visibili all'utente. E' la filosofia del "user friendly" portata all'estremo: il sistema operativo che ti nasconde i collegamenti che non usi, i programmi che ti installano un "agent" con avvio automatico per "velocizzare" il loro avvio, quelli che verificano da soli se c'è una versione nuova da scaricare... gli utenti meno informati penseranno che si tratti solo di comodità, ma è bene tener presente che se un software è in grado di fare delle cose senza input dall'utente, potrà farne anche molte altre a totale insaputa dell'utente stesso!

I siti web moderni sono un esempio lampante di ciò, ma di questo parleremo più avanti, nello specifico. Sperando che sia una fatica apprezzata dagli utenti (i cui input sono sempre benvenuti, per cui rispondete pure a questo topic se vi va, poi provvederò a fare ordine con un indice nel primo post) partirei con suggerimenti basilari su come avere un controllo maggiore del PC riferendomi a sistemi Windows in particolare (ma gli esperti di Linux o di MacOS sono anch'essi benvenuti se vogliono aggiungere qualcosa di utile su tali ambienti operativi che io conosco pochissimo).

GUIDA PRATICA A SICUREZZA E PRIVACY

"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

1) Introduzione: perchè i software più moderni sono più "pericolosi"

Messaggiodi frk il 23/05/2014, 11:36

Sebbene voglio che questo topic fornisca dei semplici suggerimenti pratici per salvaguardare la nostra privacy in rete, mi permetterete ancora una piccola introduzione teorica che ritengo utile a entrare nello spirito del problema. Premetto che, non essendo un tecnico, non ho la presunzione di insegnare niente a nessuno, e che in questa sede non avrebbe senso andare troppo sul tecnico (perdonate il bisticcio di parole), quindi pregherei i più "informatici" tra voi di non stare a "fare le pulci" a qualche semplificazione dell'argomento :bigsmile:

Ho detto che, paradossalmente, i rischi erano minori con i computer più obsoleti. Questo perchè, all'epoca del DOS, ogni software era come un mondo a se stante: lanciavi il file eseguibile e questo provvedeva a creare da zero l'interfaccia che offriva all'utente le varie funzionalità del programma. Non c'erano funzioni nascoste e, soprattutto, non c'erano più processi attivi perchè il DOS non era "multitasking".

I problemi sono cominciati con l'introduzione di Windows 95 e degli altri S.O. "multitasking" e "user friendly": la prima delle due definizioni vuol dire che il sistema può eseguire contemporanemanete diversi processi, mentre la seconda vuol dire che il sistema si prende la briga di fare della cose "a insaputa" dell'utente con il pretesto di rendere il suo lavoro più semplice.

E così succede che quando si installa un programma che magari non ha nulla a che vedere con internet, come ad esempio il buon vecchio Acrobat Reader, questo installi, senza chiederci nulla, anche un "agent" che si auto-avvia al caricamento di Windows e si mette "in ascolto" in internet per cercare versioni aggiornate. Lo fanno moltissimi programmi, ho usato il primo esempio che mi è venuto. E' vero che la maggior parte di questi programmi permette di attivare/disattivare la ricerca automatica di aggiornamenti, ma la domanda che dovreste porvi è "se un programma può mettersi a cercare aggiornamenti in rete senza dirmi niente, quante altre cose potrà fare a mia insaputa?"
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

2) Monitorare i processi attivi sul proprio PC

Messaggiodi frk il 30/05/2014, 20:09

Cercando di addivenire a qualche informazione pratica come mi ero ripromesso all'inizio del topic andiamo dunque a ricapitolare un concetto chiave: le più comuni minacce alla sicurezza o alla privacy al PC sfruttano un programma o un processo che esegua delle istruzioni.

E' utile quindi sapere QUALI e QUANTI programmi/processi sono attivi sul nostro PC. Per farlo ci sono diversi modi, dei quali elencheremo i più comuni e facili da attuare.

Ricordo che mi riferisco SEMPRE all'ambiente Windows, benvengano suggerimenti su altri S.O.

Il modo più semplice per sapere quanti processi sono attivi in ogni momento su Windows è aprire il "task manager" premendo contemporaneamente i tasti CTRL+ALT+CANC sulla tastiera. Si aprirà una finestra con diverse schede: selezionate quella con etichetta "Processi". Ecco davanti a voi la lista di TUTTI i processi attivi.

Immagine

...voi direte "sì, ma che ci faccio? Non sono un esperto nè un programmatore, la maggior parte di quesi nomi non significano nulla per me". Poco male, vi viene in aiuto il web: esistono molti siti web affidabili che descrivono ogni singolo processo dettagliatamente sfruttando anche le segnalazioni degli utenti. Basta digitare su un motore di ricerca il nome esatto di uno di questi processi (ad esempio "MSGSRV32.EXE") e troverete tra i primi risultati questi siti che vi dicono:
- chi è lo sviluppatore del software in questione
- a cosa serve
- quali (eventuali) rischi comporta per la sicurezza/privacy
- se è possibile disattivarlo senza causare malfunzionamenti in Windows

Il mio consiglio spassionato è di fare questa ricerca con TUTTI i processi attivi che non conoscete. Come minimo sarà una ricerca istruttiva!

...ah, se non vi va di cercare alla cieca, uno di questi siti con i dettagli dei processi è il seguente: http://www.liutilities.com/products/win ... sslibrary/
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

3) Conoscere i programmi che si avviano da soli

Messaggiodi frk il 08/06/2014, 10:27

In questo topic mi premeva soprattutto di parlare di come proteggersi quando si naviga il web ma le premesse che ritengo utili mi stanno prendendo un pò la mano... prometto di arrivare presto al punto ma per completare il discorso sulla sicurezza del proprio PC trovo utile parlare di uno strumento di Windows che non tutti conoscono e ancora meno usano: Microsoft System Information.

Su Windows XP si raggiunge dal menù Programmi > Accessori > Utilità di sistema (non ho sottomano Windows 7 e 8 per verificare il percorso).

Immagine

Questo piccolo strumento ci fornisce un sacco di informazioni utili sul nostro PC ma a noi ora preme verificare QUALI PROGRAMMI/PROCESSI VENGONO AUTOMATICAMENTE CARICATI ALL'AVVIO DI WINDOWS. Per fare ciò dovete espandere il menù "Ambiente software" e cliccare sulla voce "Programmi ad esecuzione automatica" mostrata nella immagine qui sotto.

Immagine

Ecco mostrati tutti i processi che vengono caricati all'avvio di Windows. Nella maggior parte dei casi sono tutti processi di sistema di Windows stesso o dei driver dell'hardware presente sul vostro computer, ma se la lista è molto lunga o se notate dei nomi "strani" vi invito CALDAMENTE a fare una ricerca sul web con il nome dei processi "sospetti".

Immagine

Voglio infine attirare la vostra attenzione sull'ultima colonna della lista, quella etichettata "Percorso" che si vede nella immagine sottostante.

Immagine

Questa mostra dove si trova fisicamente la "chiamata" che carica il processo e sarò utile ai più esperti per eventualmente rimuoverla. I percorsi che cominciano per "HKU" o "HKLM" sono relativi al registro di sistema che può essere modificato con lo strumento "regedit" di Windows o con utilities di terze parti.

ATTENZIONE: non toccate nulla se non sapete cosa state facendo.
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

4) L'importanza di un firewall

Messaggiodi frk il 15/07/2014, 19:49

E arriviamo, finalmente, al primo vero consiglio pratico per proteggere il proprio sistema quando si ha una connessione ad internet attiva: dotarsi di un firewall!

Un Firewall è uno strumento che semplicemente monitora TUTTO il traffico dati da/verso il vostro PC. E' in assoluto lo strumento più prezioso tanto per la sicurezza quanto per la privacy. Lasciate stare i cosiddetti "antivirus" che, nella maggior parte dei casi, non servono a nulla e possono risultare addirittura nocivi (poi vedremo perchè, ora non voglio mettere troppa carne al fuoco).

Esistono firewall hardware e firewall software, ma in questa sede ci riferiamo solo ai secondi, perchè gli altri non sono generalmente destinati ad una normale utenza casalinga/professionale.

Va detto che da XP in poi, Windows è dotato di un firewall integrato nel sistema operativo, ma se volete davvero avere il controllo della situazione è preferibile installare un firewall di terze parti. Personalmente, dopo avere usato (come tutti) Zone Alarm, sono passato a Sygate Personal Firewall, che utilizzo tutt'ora, nonostante sia stato da anni "abbandonato" dopo essere stato acquistato da Symantec. Dovete infatti sapere che un Firewall non ha nessun bisogno di essere aggiornato per essere efficiente! Il suo controllo si basa infatti sul monitoraggio di TUTTO il traffico dati, ovvero di ogni singolo byte che tenta di entrare o uscire nel/dal vostro PC.

Immagine

Ogni qualvolta una applicazione o un processo tenti di comunicare con l'esterno, il firewall ve lo dice e vi chiede di autorizzare o meno quel traffico, mostrandovi anche l'indirizzo IP dell'host remoto che cerca di contattarci. Se state usando un programma che deve comunicare con l'esterno (ad esempio un browser web o un client e-mail) potrete autorizzarlo, altrimenti potrete negargli l'accesso alla rete. Vi stupireste di quanti programmi/processi tentano di comunicare con l'esterno senza un motivo evidente!

Immagine

Ovviamente, non sarete costretti ad autorizzare manualmente ciascun programma ogni singola volta che vuole connettersi: i programmi fidati potranno essere autorizzati permanentemente, così da non soffrire nessun disagio durante il normale utilizzo di internet. Ma, personalmente, vi consiglio di attendere qualche giorno prima di rendere permanente l'autorizzazione, anche per i programmi che considerate "fidati": potreste scoprire infatti che tali programmi tentano di accedere autonomamente alla rete anche in momenti in cui non avete impartito nessun comando. Molti browser recenti, ad esempio, tentano più volte di collegarsi a indirizzi IP esterni, anche se non avete digitato nessun indirizzo nè cliccato su nessun collegamento, addirittura immediatamente all'apertura del browser stesso. Il più delle volte si tratta di traffico "innocuo", come quando il browser cerca nuovi aggiornamenti disponibili, ma altre volte si tratta di connessioni di dubbia utilità, come quelle generate da alcuni segnalibri o da eventuali barre integrate, che molti utenti possono trovare fastidiose o invadenti.

Immagine

Ricordate che quando autorizzate un programma ad accedere alla rete, lo autorizzate a collegarsi a qualunque indirizzo IP, non solo a quello specifico del tentativo di connessione per cui vi viene richiesta l'autorizzazione iniziale. Per poter avere il controllo sui singoli indirizzi IP da (eventualmente) bloccare, potete ricorrere alle regole avanzate del firewall. Ma di questo, parleremo nella prossima puntata (quale Anime vi ricorda questa frase? :bigsmile: )!
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

5) Controllare cosa avviene a vostra insaputa quando visitate un sito web

Messaggiodi frk il 26/09/2014, 11:02

Bene: ora che sapete quali processi sono attivi sul vostro PC, quali programmi vengono caricati automaticamente all'avvio di Windows, e vi siete dotati di un firewall efficiente, siete (quasi) pronti ad andare su internet come utenti consapevoli, e non come i famigerati "utonti" (la quasi totalità della gente, purtroppo...).

L'utilizzo più comune che la gente fa di internet è la consultazione dei siti web, e per questo avrete bisogno di un buon browser web. Saprete già che ci sono diversi browser disponibili, e ciascuno ha le sue schiere di fan e di detrattori, ma qui ci interessa la sicurezza e la privacy, non le tifoserie da piccoli fans! Personalmente ho usato ed uso diversi browser: MS Internet Explorer, Mozilla Firefox, Opera e Google Chrome, e ciascuno ha i suoi pregi ed i suoi difetti. L'importante è che scegliate un browser che consente impostazioni avanzate di sicurezza e privacy, oppure che permetta di installare componenti aggiuntive (estensioni) che servano a tale scopo.

Pur non volendo "sponsorizzare" nessun browser, non posso fare a meno di fare i miei esempi sull'accoppiata Firefox + NoScript (una estensione gratuita per Firefox), perchè sono gli strumenti che io uso quotidianamente quando voglio essere al riparo da ingerenze esterne quando navigo il web.

Noscript, in particolare, è uno strumento che io trovo GENIALE nella sua semplicità: quello che fa è bloccare l'esecuzione di tutti gli script contenuti nelle pagine web, con particolare attenzione al dominio su cui sono residenti. In pratica, blocca tutti gli elementi potenzialmente pericolosi, finchè non siete voi utenti a dirgli di fidarsi degli script residenti su un certo dominio.

La particolare efficacia di NoScript è data dal fatto che potete autorizzare singolarmente i domini che vengono "chiamati" da una pagina web, in modo da poter visualizzare i contenuti che vi interessano senza caricare gli altri, come ad esempio la pubblicità o gli script che raccolgono dati e informazioni sulle vostre abitudini!

Dal momento che una immagine vale più di mille parole, guardate nella immagine sottostante quanti domini cercano di dialogare con il vostro PC quando caricate la pagina web di MTV italiana:

Immagine


Questo vuol dire che mentre voi credete di star consultando un solo sito web (quello su cui vi siete recati) in realtà state caricando "blocchi" da più di una dozzina di siti web differenti, molti dei quali non solo non vi interessano ma, nella migliore delle ipotesi assorbono risorse rallentando il PC e causando potenziali problemi, e nella peggiore delle ipotesi possono carpire i vostri dati personali e registrare le vostre abitudini e i vostri comportamenti online!

Con NoScript potete usare il suo menù semplicemente per permettere o vietare, con un clic, l'esecuzione degli script per ogni singolo dominio, sia in maniera temporanea sia in modo permanente.

Personalmente non visito più nessun sito web senza Firefox + NoScript (o eventualmente altro browser con una funzione/estensione simile)... sarebbe come fare sesso con sconosciuti senza preservativo!

Purtroppo, la tendenza odierna, è quella di fare siti sempre più complessi e spesso inutilmente pesanti, affidandosi a componenti esterne o servizi di terze parti anche per elementi fondamentali per la fruibilità del sito stesso. Accade così che su alcuni siti non potrete nemmeno effettuare una ricerca, o il login, o postare un commento, senza autorizzare una miriade di script provenienti da domini esterni!

Cosa fare in questi casi? Una risposta valida per tutti non c'è. Permettere l'esecuzione di script esterni è SEMPRE potenzialmente pericoloso. L'atteggiamento da adottare dipende dalle vostre priorità: se per voi quel sito/servizio è davvero fondamentale, allora prendetevi pure i vostri rischi e autorizzate i domini necessari. Se non lo è, lasciate perdere, o cercate un sito che offra un servizio simile!

Prossimamente vedremo degli esempi concreti di questi domini esterni da cui vengono caricati elementi purtroppo necessari a molti siti web.

Personalmente sono molti i siti cui ho rinunciato perchè non volevo pormi alla mercè di potenziale spyware/malware ma so già che la maggior parte degli "utonti" autorizzerebbe in breve tutti i domini, vanificando l'efficacia di uno strumento come NoScript... se è così, lasciate pure perdere consigli e accorgimenti, e continuate ad essere "il prodotto" che viene mercificato su internet, invece di un utente consapevole.
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

6) Attenzione ai browser troppo invadenti!

Messaggiodi frk il 05/02/2015, 12:03

Abbiamo visto come, quando visitate un sito web, vengano caricate e scaricate tonnellate di "immondizia" informatica di natura quantomeno dubbia. Ma siete sicuri che il vostro browser web non comunichi con l'esterno (a vostra insaputa) anche quando non state visitando nessun sito? Purtroppo, ve lo dico io, lo fa.

Ho potuto verificare questo comportamento con le versioni più recenti di Firefox: è sufficiente aprire il browser su una pagina vuota e attendere qualche secondo prima che il firewall avvisi che "Firefox sta provando a connettersi con..."! Ripeto, questo avviene senza che si sia digitato nulla nella barra degli indirizzi nè selezionato un sito dai segnalibri.

Immagine

In alcuni casi queste connessioni clandestine di Firefox sono spiegabili e (probabilmente) innocue, come quelle al sito web di eventuali estensioni che avete installato (vedi noscript di cui si è parlato sopra) oppure quelle causate da particolari collegamenti nei segnalibri, ma in altri casi si tratta di attività quantomeno dubbia, come i numerosi tentativi di auto-connettersi a diversi server di Google, senza che l'utente faccia nulla.
sb-ssl.google.com, sb-ssl-google.com, safebrowsing.clients.google.com sono solo alcuni esempi dei domini a cui Firefox tenta di collegarsi a vostra insaputa. Se cercate informazioni su di essi in rete (magari usando un motore di ricerca diverso da Google... :fischio: ) scoprirete che sono collegati con l'estensione "Google Safe Browsing" preinstallata in Firefox che dovrebbe servire per certificare la sicurezza delle pagine web che visitate ma che può anche essere usata per monitorare la sequenza dei vostri click e raccogliere dati sulle vostre abitudini in rete!

Ma Firefox tenta anche di connettersi in automatico con il dominio mozilla.org, e questo anche se voi avete disattivato, nelle impostazioni, la ricerca di eventuali aggiornamenti. Inoltre, può capitare che Firefox tenti di connettersi con misteriosi indirizzi IP di cui non è dato sapere altre informazioni.

E' interessante notare come queste connessioni "a tradimento" non avvenissero sulle prima versioni di Firefox mentre sono comparse da un certo momento in poi (sicuramente già dalla versione 3.6). Alla faccia di coloro che pensano che aggiornare continuamente i programmi sia un modo per proteggere la propria privacy e sicurezza in rete...

Ovviamente non intendo gettare la croce addosso al solo browser di Mozilla, ci mancherebbe, sono abbastanza sicuro che cose simili avvengano anche nei browser della concorrezza, Google Chrome e Microsoft Internet Explorer in primis, ma non ho dati a sufficienza per sostenerlo.

Nel prossimo post vedremo COME BLOCCARE queste connessioni occulte in modo semplice, efficace e definitivo.
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

7) Come bloccare il traffico indesiderato (metodo con firewall)

Messaggiodi frk il 24/03/2015, 13:13

Ora che abbiamo visto come scoprire i tanti tentativi di comunicazione con l'esterno che avvengono a nostra insaputa sul PC vediamo come bloccare le connessioni indesiderate. Il primo metodo che vi propongo è quello che prevede l'utilizzo di un firewall, come il Sygate che utilizzo io e che mostrerò nell'esempio, ma tutti i firewall offrono strumenti simili.

Per prima cosa bisogna accedere alle "regole avanzate" del firewall. Con Sygate è sufficiente fare clic destro sull'icona del programma sulla barra delle applicazioni e poi dal menù che compare selezionare "Advanced rules...".

Immagine

Si apre una finestra che mostra tutte le regole avanzate precedentemente impostate. Questo elenco sarà ovviamente vuoto se non avete mai creato una regola avanzata.

Immagine

Per aggiungere una nuova regola è sufficiente cliccare sul pulsante "Add" che farà aprire una nuova finestra, in cui potete subito attribuire un nome alla nuova regola (di solito io uso il nome del dominio o l'indirizzo IP che desidero bloccare).

Immagine

A questo punto passate alla scheda "Host" della stessa finestra e, dopo aver selezionato il campo relativo agli indirizzi IP, digitate l'indirizzo IP che desiderate bloccare (quello che vi era stato segnalato dal firewall stesso mentre tentava di comunicare con il vostro PC).

Immagine

Quando farete clic sul pulsante OK tornerete alla finestra con l'elenco delle regole avanzate, dove ora compare la regola che avete appena creata.

Immagine

Se vi accorgete che qualche servizio utile non funziona più potete sempre disattivare la regola semplicemente cliccando sul riquadrino con la spunta verde.

Per chi non possiede un firewall (male, molto male!) o per coloro che hanno un firewall che non permette di impostare regole avanzate, esiste un modo altrettanto semplice per bloccare tutto il traffico da e verso un particolare indirizzo IP, ma di questo parleremo nella prossima puntata...
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

Re: Parliamo di sicurezza e privacy in rete

Messaggiodi gerko il 24/03/2015, 21:27

Ecco perchè Firefox era diventato un mattone da che era una scheggià!

Ora stò usando Maxhton, frk guardalo e dimmi cosa ne pensi.
Ti dico già che fa più pena di FF perchè anche se ha adblock, mi si aprono pagine che prima non si aprivano da sole.
Leggere senza interagire svuota il web di contenuti, scrivi qualcosa anche tu, condividi le tue esperienze.
Avatar utente
gerko
chinasupremo
 
Messaggi: 3445
Iscritto il: 13/09/2011, 17:33
Chinafonini posseduti: JIAYU G2+ White, Cubot H1 Gold.

Re: Parliamo di sicurezza e privacy in rete

Messaggiodi frk il 25/03/2015, 9:54

Grazie del suggerimento, mi sto già informando sul sito ufficiale...
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26049
Iscritto il: 10/09/2008, 11:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

Prossimo

Torna a Computer e informatica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron