[Recensione] Tim Weaver - Tracce di morte

Discussioni, recensioni e opinioni sui libri, la lettura, e la scrittura creativa

[Recensione] Tim Weaver - Tracce di morte

Messaggiodi frk il 23/11/2019, 8:33

Che Tim Weaver sappia scrivere in modo scorrevole e coinvolgente è una valutazione che posso condividere e il mio approccio con questo "Tracce di morte" è stato confortevole. La trasposizione della classica "detective story" da romanzo hard boiled in una ambientazione più attuale sembra funzionare egregiamente, nonostante qualche banalità che farà storcere il naso ai lettori più raffinati (del resto una certa banalità costituisce un retaggio quasi peculiare delle storie di investigatori privati). Ma, con il trascorrere delle pagine (che sono oltre 500!), ho perso un pò d'entusiasmo per il palesarsi di soluzioni narrative decisamente trite. Alla fine, lo confesso, mi son ritrovato ad attendere con impazienza la conclusione del romanzo.
Col senno di poi, mi verrebbe da scrivere che la vita è troppo breve per dedicare tanto tempo alla lettura di un thriller apprezzabile ma un pò scontato, ma non voglio essere eccessivamente critico, nè offendere i tanti appassionati del genere che, lecitamente, cercano solo un pò di sano svago dalle fatiche della quotidianità. Personalmente, anche da un thriller, mi aspetto un certo spessore comunicativo che sia in grado di agevolare un minimo di introspezione e sollecitare riflessioni sulla natura umana e sulla propria consapevolezza della stessa (che, in definitiva, è lo scopo ultimo della comunicazione scritta), ma "Tracce di morte" risulta comunque libro decente, consigliabile però solo ai cultori del filone narrativo delle "crime stories" più classiche. Il tipico romanzo che si acquista in edicola o alla stazione per occupare il tempo... sempre meglio che rincoglionirsi con lo smartphone! Se però lo leggete in formato digitale proprio sul vostro smartphone, allora, non avete scusanti...
"...a me pare che alla gente non dispiaccia essere abbindolata, se solo le si dice il contrario. E' quando le si dice che la stanno abbindolando che non lo sopporta."
Norman Mailer - La costa dei barbari
Avatar utente
frk
Site Admin
 
Messaggi: 26745
Iscritto il: 10/09/2008, 12:03
Chinafonini posseduti: Prince A960, JinPeng S6186, Smart M89, A7272+, Mpie MP108

Torna a Il Forum sui Libri - leggere (e scrivere) che passione!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite